Viaggio Nel Mondo

Santa Maria di Leuca

Salento, Santa Maria di Leuca

© Viaggionelmondo.net

Santa Maria di Leuca sorge in splendida posizione nell’insenatura tra Punta Ristola e Punta Meliso. Chiamata dai romani finis terrae, la fine della terra, è tra le più frequentate località della Puglia. E’ bagnata dai due mari Ionio e Adriatico, punto d’incontro della costa ionica di ponente, pianeggiante con spiagge cosparse di macchia mediterranea che si alternano a promontori rocciosi, con quella adriatica di levante, selvaggia con scogliere a picco sul mare. La località, frazione del comune di Castrignano del Capo è caratterizzata da scogli, splendide grotte e falesie e da un mare dai colori verde smeraldo e blu cobalto, con fondali che sono il paradiso degli amanti del sub.

Santa Maria di Leuca – La città

Città ricca di storia, di splendidi paesaggi e di ville ottocentesche a testimonianza dell’antica tradizione balneare, è oggi località turistica per eccellenza del Salento, con il suo mare cristallino offre ai turisti servizi e strutture ricettive per tutti i gusti e opportunità di svago.

Caratteristico della città è l’affascinante promontorio Japigio, per tutti Punta Meliso, storicamente considerato punto d’incontro dei due mari Ionio e Adriatico, anche se secondo le convenzioni nautiche il punto di congiunzione si trova a Punta Palascia (Capo d’Otranto). Dal promontorio si gode un panorama da cartolina, si erge il faro alto circa 47 metri, costruito nel 1873, che irradia luce per 50 km e la famosa Basilica Santuario “de Finibus Terrae” costruita su un tempio dedicato alla dea Minerva; luogo di pellegrinaggio fin dai tempi antichi e dove i Crociati pregavano la Madonna prima di partire per la Terrasanta.

Santa Maria di Leuca è nota sin dall’antichità come approdo tra il Mediterraneo occidentale e l’Oriente. Il suo nome deriva da leukos (bianco) attribuito dai marinai greci a questo luogo illuminato dal sole, e dallo sbarco di San Pietro che dedicò la città alla Vergine.

Altro elemento caratteristico della città sono le sontuose ville ottocentesche dai vari stili, orientale, gotico, liberty che costeggiano il lungomare, ognuna con la propria “bagnarola”, cabina che fungeva da spogliatoio per le signore. Alcune in disuso, altre trasformate in strutture di pregio, oggi sempre più richieste da ricchi vip e attori provenienti da tutto il mondo.

Santa Maria di leuca, spiagge e grotte

Il litorale di Santa Maria di Leuca, tra i più belli della Puglia, è caratterizzato da numerose grotte che si estendono da Levante a Ponente, i cui nomi sono frutto della fantasia degli abitanti. Nel Medioevo furono rifugio dei monaci basiliani che lasciarono sulla roccia croci e iscrizioni latine e greche. Le numerose grotte si raggiungono via terra o via mare (da giugno a settembre le escursioni in barca partono dal porticciolo).

A Punta Ristola, si trova la grotta forse più famosa, la Grotta della Porcinara (portinaia) che nell’antichità fungeva da tempio; è tra le più grandi ed è composta da tre “locali”. A soli 100 metri di distanza si trova la Grotta del Diavolo, che deve il nome ad un’antica superstizione che attribuiva al maligno i cupi rumori della grotta. Si raggiungono entrambe via terra e via mare. Altre affascinanti grotte sono la Grotta del Drago, nome dovuto forse alla forma di drago che si riconosce entrando con la barca e la Grotta dei Giganti, importante dal punto di vista artistico e archeologico, ha restituito reperti di ossa umane, di pachidermi e monete di bronzo risalenti all’epoca di Costantino.

Tutta la costa di Santa Maria di Leuca è richiamo per gli appassionati d’immersione. I relitti ad elevate profondità e gli indimenticabili punti di immersione, ne fanno una meta d’obbligo per i sub. Tra i punti più belli c’è la Secca della Scala dove si incontrano anche specie tropicali provenienti dal canale di Suez. Per quanto riguarda le spiaggie, Santa Maria di Leuca non ne ha di naturali, ma a pochi chilometri, ci sono le bellissime e rinomate Maldive del Salento con spiagge anche sabbiose.

Santa Maria di Leuca, come arrivare

In auto. Imboccare l’autostrada A14 fino a Bari Nord, poi proseguire lungo l’autostrada per Brindisi (120 km), poi per Lecce (40 km), infine per Gallipoli (40 km S.S.101) fino a Santa Maria di Leuca.

In treno. Con le Ferrovie dello Stato si può raggiungere Lecce, poi c’è un treno locale delle Ferrovie Sud Est per Santa Maria di Leuca o in alternativa l’autobus.

In bus. Nei mesi estivi c’è l’autobus Salentoinbus appositamente previsto dall’Amministraione Provinciale.

In aereo. E’ possibile raggiungere l’aeroporto di Brindisi Casale che è dotato di servizio navetta da e per Lecce (anche privata, con preavviso).

,